La cava "San Marco" di Gambellara (Vicenza) nasce alla fine del secolo diciannovesimo.

Acquisita negli anni '50 del ventesimo secolo vede l'industrializzazione dell'attività estrattiva grazie all'innovazione tecnologica, con l'adozione di macchine da scavo idrauliche e l'abbandono dell'esplosivo. Era dotata di grandi impianti per la frantumazione e la selezione della roccia necessaria a produrre il pietriscone ferroviario ("ballast") destinato alla costruzione e manutenzione della rete ferroviaria italiana.

Nei primi anni '90 si completa a cura della nostra azienda il recupero morfologico propedeutico alla costruzione di un teatro all'aperto, "percorso vita", spazi di aggregazione sociale così come concordato con l'Amministrazione Comunale alla quale è stata ceduta l'area.

Tra le particolarità del recupero va notata la sezione del giacimento basaltico lasciata sul posto a documentare la geologia del luogo. Vi si può ammirare la famosa struttura colonnale della roccia basaltica originata dalla colata lavica di un antico vulcano.